Progetto

Sostenibilità ambientale

La sostenibilità è la bandiera che ci siamo dati per entrare in questo nuovo millennio. Giustamente e necessariamente. Perché non diventi una parola vuota, occorre che ciascun progetto che si definisce sostenibile, così come ciascun prodotto, chiarisca quanto è sostenibile e come è sostenibile.

Da un punto di vista generale un progetto sostenibile è un progetto che riduce al minimo il suo impatto sull’ambiente, un progetto che risponde alle esigenze di chi vive oggi senza trasformarsi nel tempo in un’eredità pesante, costosa, difficile. La sostenibilità è un processo che implica una progettazione responsabile in cui conoscenze, tecnologie e servizi vengono integrati: equità inter e intra generazionale, principi produttivi di bassa intensità di energia e di materia, principi ecologici di rigenerazione: tutto questo rende un progetto realmente sostenibile.

Ascoli21, un intervento profondo di riprogettazione urbana di un’area industriale, ha un obiettivo chiaro: garantire alle future generazione il diritto di godere di una parte importante del territorio che appartiene loro, liberandola dal grave inquinamento che ne caratterizza oggi il suolo.
La sostenibilità si traduce in principi chiari che definiscono il progetto dalla sua progettazione globale fino alle scelte minute.

Ascoli21 è sostenibile innanzitutto perché recupera un’area verde, cercando di ripristinare e l’ecosistema esistente in precedenza e dando alla natura gli strumenti per rigenerarsi autonomamente, e così facendo rende il parco usufruibile e godibile dai cittadini, attraverso percorsi ludici, sportivi e naturalistici.
È sostenibile perché lo saranno gli edifici, che siano essi residenziali, pubblici o produttivi, che vi saranno costruiti. Dalla collocazione nell’area, che rispetta i criteri della bioarchitettura, alla scelta dei materiali, dalle rifiniture che garantiscono il massimo isolamento termico, a un sistema di illuminazione che punta al risparmio: ogni dettaglio è votato al massimo dell’efficienza e alla riduzione delle emissioni di CO2.
Gli edifici saranno costruiti nel rispetto della legge della Regione Marche che applica i principi del protocollo ITACA (www.itaca.org).

È sostenibile perché pensa il ciclo del consumo in maniera intelligente, con una raccolta rifiuti differenziata, tempestiva, puntuale e significa gestire l’approvvigionamento energetico favorendo le energie rinnovabili, anche le rinnovabili termiche, intervenendo sugli sprechi.
È sostenibile perché il sistema della mobilità è pensato in chiave di riduzione delle emissioni e puntando su percorsi pedonali e ciclabili.

Sostenibile è lo sviluppo economico che promuove Ascoli21, non banalmente perché punta su settori “green”, ma perché la crescita che alimenta nasce dal territorio senza snaturarne le caratteristiche, senza sradicare ciò che esiste, senza trapiantare cose esotiche, puntando sull’intelligenza del territorio e degli individui. È sostenibile perché è uno sviluppo che coinvolge la società nel suo insieme, puntando ad una migliore qualità della vita per tutti.

È sostenibile perché nasce da un’idea di bene comune.

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.
- Ma qual è la pietra che sostiene il ponte? - chiede Kublai Kan.
- Il ponte non è sostenuto da questa o da quella pietra, - risponde Marco, - ma dalla linea dell'arco che esse formano.
Kublai Kan rimase silenzioso, riflettendo. Poi soggiunse:
- Perché mi parli delle pietre? È solo dell'arco che mi importa.
Polo risponde:
- Senza pietre non c'è arco.
(Le città invisibili, Italo Calvino)

 

Fotogallery Restart

Fotogallery storica

 

Ultime da Instagram


Iscriviti alla nostra Newsletter

Ascoli 21 è un progetto di Restart srl - P.Iva: 02040810448